Eurolega: debutto di fuoco, l’Olimpia cerca l’impresa a Mosca

E' il giorno dell'esordio biancorosso nella massima competizione continentale
 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 801 volte
© foto di Alessia Doniselli
Eurolega: debutto di fuoco, l’Olimpia cerca l’impresa a Mosca

E’ il giorno dell’esordio in Eurolega per l’Olimpia Milano. I biancorossi sono attesi da un debutto infernale, sul campo del Cska Mosca (ore 19, diretta streaming Eurosport Player e Radio Hinterland), contro una delle grandi favorite della massima competizione continentale. Dunque, servirà una vera e propria impresa anche solamente per provare a restare in partita il più possibile, contro una formazione con l’incredibile record di 42-3 in casa, da quando sulla panchina siede Dimitri Itoudis, e con quattordici partecipazioni alle Final Four nelle ultime quindici stagioni disputate.

Una corazzata, anche se quest’anno ha perso il suo leader Milos Teodosic, che ha varcato l’oceano e vestirà la maglia dei Los Angeles Clippers con l’ex biancorosso Danilo Gallinari. Il suo sostituto, però, è uno dei big del basket continentale e si tratta di Sergio Rodriguez, quel ‘Chacho’ uomo chiave del trionfo del Real Madrid 2015. “Credo che la nostra vittoria non venga neanche quotata – le parole di Simone Pianigiani - Ma non dobbiamo farci spaventare dall’ipotesi di un risultato negativo che in Eurolega può capitare a tutti. Dobbiamo guardare a noi stessi, a come staremo insieme, a come supereremo le avversità, pensando ad un’occasione per crescere in Europa”.

Il tabellone, infatti, andrà guardato solamente alla sirena finale, dopo aver giocato una partita gagliarda ed intensa per quaranta minuti. Solo così, infatti, anche la più che probabile sconfitta avrà avuto una valenza positiva per il lungo percorso che attende l’AX Armani Exchange nella massima competizione continentale, partendo da quell’ultimo posto di un anno fa. Di fronte ci sarà gente del calibro di De Colo, Hines. Fridzon, Vorontsevich e Khryapa: solo questo dovrà essere uno stimolo per i biancorossi, privi di Pascolo, Dragic e Young, e con Cinciarini probabile escluso per turnover.