L’Olimpia fa il suo: dominata Pistoia per la settima vittoria consecutiva

Milano non lascia scampo ai toscani nel Monday Night di Serie A e conquista la terza vittoria di fila in campionato, la settima considerando l'Europa.
11.11.2019 22:00 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
L’Olimpia fa il suo: dominata Pistoia per la settima vittoria consecutiva

Doveva essere una pratica e lo è stata. L’Olimpia Milano non lascia scampo, nel posticipo dell’ottava giornata di Serie A, alla OriOra Pistoia imponendosi per 83-63 e centrando il terzo successo consecutivo in campionato, il settimo contando anche l’Eurolega. In una serata dove c’è spazio per tutti, anche per il redivivo Aaron White (in doppia cifra con 10 punti), Milano prende il controllo delle operazioni con un 17-0 nel primo quarto che indirizza da subito il match sui binari giusti: la squadra di Carrea, con coraggio, risale fino al -5, ma a Milano basta ingranare una marcia in più per chiudere la pratica nella ripresa. Bene Nedovic (19 di cui 15 nel terzo quarto), Mack (12 e 6 assist) e Brooks (10), in casa Pistoia fanno una bella figura Brandt (12) e Wheatle (11).

Con Rodriguez e Scola in borghese per turnover (oltre agli infortunati Della Valle e Gudaitis, nemmeno presenti al Forum), Messina parte con Mack, Nedovic, Moraschini, Brooks e Tarczewski. All’acuto toscano firmato Brandt e D’Ercole Milano risponde con il già citato break di 17-0, chiuso da una tripla dell’applaudito White. L’Olimpia chiude i primi 10’ avanti di 9 (21-12), e al recupero ospite firmato Brandt e Wheatle (30-25) risponde con i canestri di Roll e Tarczewski, chiudendo il primo tempo con un break di 12-3 per il +14. La ripresa si apre con Pistoia che torna con coraggio a -10, ma a Messina non serve nemmeno chiamare un minuto di sospensione per avere una reazione dai suoi, sotto forma di un break da 20-4 ispirato da un Nedovic implacabile (il serbo firma 15 punti nel terzo quarto), chiudendo il terzo quarto sul +32 e rendendo gli ultimi 10’ una formalità, concedendo più di cinque minuti al giovane classe 2003 Gravaghi, debuttante in Serie A.

LE PAGELLE DI MILANO-PISTOIA

MESSINA: "PARTITA SERIA, VOLEVAMO DISTRIBUIRE I MINUTI. GUDAITIS? RECUPERO IN QUATTRO SETTIMANE"