Final Eight 2018: delirio Torino, Brescia va ko. E' sua la Coppa Italia

Il layup decisivo di Vujacic regala il successo alla formazione piemontese
18.02.2018 19:54 di Fabio Cavagnera Twitter:    Vedi letture
Final Eight 2018: delirio Torino, Brescia va ko. E' sua la Coppa Italia

Il delirio è di Torino, la grande delusione di Brescia. La Fiat vince un’incredibile finale di Coppa Italia (69-67), con il decisivo canestro di Sasha Vujacic a 2”4 dalla sirena finale, al termine di una partita tiratissima, ma con la Leonessa spesso avanti, ma senza mai essere in grado di dare la scossa decisiva. Ed alla fine è uscita la classe di un due volte campione NBA, che fino a quel momento si era fatto notare più per il nervosismo che per quanto fatto sul campo. Ma è principalmente la vittoria di Paolo Galbiati: ha preso una squadra in piena crisi di nervi e risultati, riuscendo a ribaltare tutto in pochissimi giorni, prima di arrivare a Firenze e scrivere una pagina di storia, con la prima coppa del club piemontese.

La tensione per l’appuntamento con la storia e la stanchezza degli impegni ravvicinati si sente in avvio di partita: le due squadre partono con un complessivo 4/22 dal campo, anche se la squadra di Diana è sempre in vantaggio. Sembra un po’ la semifinale di ieri, tra parziali e controparziali, con Sacchetti (anche un gioco da 4 punti) e Blue (un paio di conclusioni di talento puro) protagonisti: la Leonessa scappa anche due volte a +9, ma la Fiat riesce sempre a fermare l’emorragia, restando all’interno del match, prima del pareggio (31-31 al 22’) con la tripla di Washington in avvio di ripresa.

Ci sono problema di falli per le due squadre, con i due Vitali a quota 3 penalità ed il torinese ex Pistoia a quattro, ed è ancora la Germani a dare una scossa alla partita: prima Michele, poi Landry (a quota 16) dall’arco e nuovo +8 (37-45 al 26’). Come nel primo tempo, l’Auxilum reagisce e si riavvicina, con il primo lampo di un nervoso Vujacic e soprattutto le triple di Boungou Colo, e trova il primo sorpasso con una clamorosa tripla di Poeta (61-59 al 36’). Ci si avvia, così, all’ennesima volata di queste Final Eight: lo 0/4 ai liberi di Hunt pesa come un macigno, ma Landry pareggia a 1’20” dalla fine. Botta e risposta Garrett-Luca Vitali dall’arco, dopo gli errori bresciani, Vujacic in contropiede manda Torino a +2 a 2”4 dalla sirena. Moss sbaglia, Torino vince la Coppa Italia. Per uno dei più inattesi trionfi. 

TUTTA LA GIOIA DI TORINO: "ABBIAMO FATTO LA STORIA. E QUELLE CRITICHE..."