Final Eight 2018: il cuore di Cantù non basta, Brescia vola in finale

La squadra di Diana si impone al supplementare e domani affronterà Torino per la Coppa Italia
17.02.2018 23:03 di Fabio Cavagnera Twitter:    Vedi letture
Final Eight 2018: il cuore di Cantù non basta, Brescia vola in finale

Una battaglia di 45 minuti e la festa è della Germani Brescia. La squadra di Diana, pur segnando un solo canestro dal campo negli ultimi 10 minuti di partita, supera al supplementare la Red October Cantù (87-82) e vola in finale, dove domani si giocherà la Coppa Italia in un’inedita sfida con la Fiat Torino. La Leonessa è rimasta quasi sempre al comando, raggiungendo anche il +12 nel quarto periodo, prima di fermarsi completamente in attacco e subire la rimonta di un’indomita formazione di Sodini, da applausi per come è riuscita a restare sempre agganciata al match, nonostante le mille difficoltà fisiche e di roster. E’ stato Luca Vitali l’uomo decisivo (19 punti, 9 rimbalzi e 4 assist), con il canestro chiave dell’overtime, mentre dall’altra parte si segnala un eroico Thomas (20). 

C’è grande equilibrio sin dal primo tempo della sfida, con due squadre sempre pronte a rispondersi colpo su colpo, anche ai rari tentativi di allungo, soprattutto da parte della squadra di Diana. Il 5-0 iniziale viene annullato da uno 8-0 brianzolo, poi il nuovo +6 (18-24 al 12’), con qualche buona giocata di Hunt vicino a canestro, è fermato dalla coppia Chappell-Smith, prima del pareggio a quota 34 da parte di Burns. Per il resto, si va sempre avanti punto a punto, con un gioco non spumeggiante, ma comunque piuttosto piacevole, fino all’esplosione di gioia della curva bresciana, quando Moss segna la tripla del +4 sulla sirena del secondo quarto, dopo un rimbalzo offensivo.

La Leonessa apre anche la ripresa con un canestro pesante, questa volta di Landry, per il massimo vantaggio (39-46 al 21’), però la formazione di Sodini reagisce un’altra volta e trova con Burns i punti per tornare sotto, prima del sorpasso firmato Smith. E’ il turno di Michele Vitali a provare un allungo, con un nuovo +7 bresciano nella parte finale del terzo quarto, per poi arrivare alla prima doppia cifra di distacco (59-69 al 33’), quando Landry punisce dall’arco. E’ anche +12, però la Red October è clamorosa nella voglia di non mollare ed ha la forza di tornare ancora a due punti di ritardo a 2’ dalla fine, con la tripla di Parrillo. Brescia sbaglia tiri dall’arco in serie e Thomas pareggia quando sul cronometro manca un minuto, chiudendo un parziale di 10-0. Moore e Hunt fanno 1/2 ai liberi, dentro e fuori la tripla di Chappell, ma lo stesso pareggia dalla lunetta a 8”6. Il n° 2 bresciano perde la palla per vincere ed è ancora overtime, dove non si segna quasi nulla con due squadre contate in piedi. Cantù perde Smith e Burns per falli, mentre Thomas è colpito da crampi: Luca Vitali mette l'unico canestro bresciano dal campo, Landry e Moore la chiudono ai liberi e Brescia può festeggiare.