Il rammarico Olimpia di Kaunas, la 'second unit' ed il 6-4 in Eurolega

I biancorossi hanno chiuso il primo terzo della massima competizione continentale
30.11.2018 11:42 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 1170 volte
Il rammarico Olimpia di Kaunas, la 'second unit' ed il 6-4 in Eurolega

Un vero peccato. La trasferta di Kaunas era alla portata dell’Olimpia Milano, anche quella incerottata ed affaticata di questo periodo, contro uno Zalgiris lontano parente di quello che lo scorso anno ha ammaliato tutti e si è qualificato per le Final Four. Con un budget non al livello delle big, non tutte le ciambelle riescono con il buco e difficilmente la formazione lituana potrà ripetere le imprese di un anno fa. Quelle che, invece, sogna di cavalcare la squadra di Pianigiani, la cui ulteriore crescita passerà dalla capacità di saper sfruttare meglio le difficoltà delle avversarie.

Quel pesantissimo 0-18 subito nel secondo quarto, alla fine mai recuperato completamente dall’AX Armani Exchange, i biancorossi avrebbero potuto piazzarlo a loro favore nei minuti precedenti, quando erano a +7 e con i lituani in grossa difficoltà. I tricolori non hanno sfruttato almeno tre occasioni di piazzare un allungo importante, accontentandosi di tiri da tre punti senza grande costruzione di gioco, e l’hanno poi pagato pesantemente. Quando gli uomini della ‘second unit’, con l’eccezione di Kuzminskas, non hanno dato il contributo sperato, in particolare in un Jerrells tornato in notevole difficoltà ed un Tarczewski troppo spesso condizionato dai falli.

Il rimpianto per questa mancata vittoria non può però cancellare l’ottimo avvio europeo dei campioni d’Italia: il record di 6-4, ad un terzo dalla competizione, è ampiamente in linea con l’obiettivo di lottare per un posto nei playoff. Un risultato di ancor maggiore peso, considerando che sei di queste dieci partite sono state giocate senza Nemanja Nedovic, cioè il secondo violino designato dell’AX. Con il quale, almeno un successo in più probabilmente ci sarebbe. La sosta del campionato farà un po’ rifiatare i giocatori più utilizzati, per ripartire di slancio per un mese di dicembre durissimo e pieno di impegni. Dove, in Eurolega, già si può decidere parte del destino.

TUTTO SU ZALGIRIS-MILANO: CRONACA, PAGELLE E SALA STAMPA