Eurolega, le pagelle di Alba Berlino-AX Armani Exchange Milano

Rodriguez e Nedovic MVP, bene anche Tarczewski e Scola.
29.10.2019 22:10 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Eurolega, le pagelle di Alba Berlino-AX Armani Exchange Milano

Le pagelle di Alba Berlino - AX Armani Exchange Milano, quinta giornata di Eurolega, terminata 81-78 per i biancorossi.

Della Valle 6 = è un giocatore in grande fiducia, sempre generoso in campo. Firma una tripla importante e commette un paio di banalità, ma ha l’atteggiamento giusto.

Micov 6 = più in ombra rispetto alle altre uscite, porta il suo contributo ma ci si attende qualcosa in più. Probabilmente si è anche auto-preservato per venerdì.

Biligha ne

Gudaitis 6 = i numeri non sono quelli di venerdì sera, e sarebbe assurdo anche attenderselo. Porta il suo mattoncino sulla strada verso il pieno recupero.

Moraschini 6 = a lungo in panchina, si fa notare per un recupero in difesa che fa esultare anche Messina. L’atteggiamento è quello giusto, che siano 7 o 17 o 27 i minuti in campo conta relativamente.

Roll 6.5 = alza il ritmo in difesa, in attacco la mano non trema quando conta. Col rientro di Nedovic potrà crescere di livello.

Rodriguez 7.5 = sempre più leader, sempre più faro. Dalla lunetta non trema nella fase finale del match, raggiunge i 2500 punti in carriera.

Tarczewski 7 = continua a mostrare progressi, contro una frontline che per caratteristiche potrebbe essergli indigesta. Cresce parallelamente al reinserimento di Gudaitis, e non è un caso.

Nedovic 7.5 = fino all’ultimo minuto del terzo quarto è pressoché anonimo. Poi, però, firma le quattro triple che di fatto decidono il match, non tremando quando conta.

Cinciarini 6 = segna un canestro molto importante e ripete l’ottimo approccio difensivo di Roma, Messina lo tiene in campo nei momenti decisivi.

White sv = ha un buon approccio al match, con tanta voglia di fare. Poi, però, resta in panchina.

Scola 7 = la sua presenza è fondamentale nel creare attacco quando Milano è statica e prevedibile, e anche se a momenti soffre in difesa con lui in campo l’Olimpia è un’altra squadra.

MESSINA: "GARA A DUE FACCE, PIU' CALMA E CONFIDENZA NELLA RIPRESA", E PARLANO ANCHE SCOLA E RODRIGUEZ