Eurolega, le pagelle di AX Armani Milano-Kirolbet Baskonia

Sulla copertina del sesto successo europeo consecutivo c'è ancora Della Valle, bene anche Mack, Micov, Rodriguez e Tarczewski.
07.11.2019 22:37 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Eurolega, le pagelle di AX Armani Milano-Kirolbet Baskonia

Le pagelle di AX Armani Exchange Milano - Kirolbet Baskonia, settima giornata di Eurolega, terminata 81-74 per i biancorossi.

Della Valle 8 = abbastanza in sordina fino all'ultimo quarto, risolve la partita creando le premesse per il parziale decisivo, dimostrando ancora una volta freddezza e grande fiducia. A oggi candidato numero uno per un ipotetico premio di Most Improved Player.

Mack 7 = fa un paio di errori banali in avvio, ma non si perde d'animo: cambia la sua partita con un recupero in scivolata, firma cinque punti consecutivi per chiudere il primo tempo e mostra tutt'altra faccia rispetto al giocatore in difficoltà negli ultimi tempi.

Micov 7 = grandissimo primo tempo, nella ripresa il palcoscenico se lo prendono i suoi compagni.

Biligha sv

Gudaitis 6 = non è la sua partita, ma non fa mancare un bel contributo in difesa.

Roll 7 = un fattore in attacco, e non solo come tiratore. Positivo da creatore aggiunto in attacco in una serata in cui Rodriguez e Nedovic sono più indietro rispetto ai loro livelli.

Rodriguez 6.5 = firma alcuni canestri importanti, ma non gioca la sua migliore partita. E la vittoria di Milano assume ancora più importanza per questo motivo.

Tarczewski 7 = un grande lavoro sotto i tabelloni, mette in difficoltà lunghi di livello come Eric e Shengelia. Sempre meno avulso, sempre più ritrovato: anche lui è in crescita.

Nedovic 5.5 = tanta volontà, ma in attacco non trova mai ritmo. Si sacrifica per la squadra, verranno giorni migliori.

Cinciarini sv

Brooks 5.5 = limitato dai falli, non riesce a incidere sul match tranne che in pochi momenti brillanti.

Scola 6 = anche lui gioca poco nel primo tempo, limitato dai falli. Nella ripresa trova il modo di rendersi determinante in attacco.

MESSINA: “DECISIVA LA PRESSIONE DIFENSIVA NEL SECONDO QUARTO”