Pianigiani: “Non ne avevamo, toccato il fondo. Ma ho fiducia”

Le voci dal Forum dopo la sconfitta contro Sassari.
07.04.2019 19:15 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Pianigiani: “Non ne avevamo, toccato il fondo. Ma ho fiducia”

L’analisi oggi è fin troppo facile: non ne avevamo e non ne abbiamo avute” esordisce così in sala stampa Simone Pianigiani, dopo la brutta sconfitta di Milano contro Sassari “Tutti quei ritardi in 1 contro 1, nelle palle vaganti, sono dei sintomi chiari evidenti: eravamo due giri indietro contro una squadra che vive il momento migliore della sua stagione”.

In questo momento sta a me proteggere la squadra. Siamo in riserva, l’abbiamo visto oggi nei nostri lunghi” continua l’allenatore dell’Olimpia “Tutte le nostre energie sono state giustamente -e se ho sbagliato in questo me ne assumo le responsabilità- per combattere in Europa fino all’ultimo, e ci siamo andati veramente vicini”. 

Oggi, in riserva, abbiamo toccato il fondo. Ma ho fiducia che questa squadra possa rigenerarsi nelle prossime settimane per inseguire il suo obiettivo primario, che rimane lo scudetto” continua Pianigiani “Tanti giocatori sono in calo di forma oggi, ci sono ragazzi che stanno giocando su infortuni [il riferimento è soprattutto a Burns, che oggi ha giocato sotto infiltrazioni, e a Kuzminskas assente per un risentimento al ginocchio, ndr], adesso ci aspettano partite impegnative per essere pronti per il rush finale fin dal primo punto dei playoff”.

Milano ha giocato una Eurolega di altissimo livello, uscendo quasi immeritatamente. È normale che dopo una delusione del genere possa avere avuto un passaggio a vuoto: oggi abbiamo giocato ogni possesso alla morte, l’Olimpia rimane la più forte, ha un grande allenatore e la squadra da battere” afferma invece in sala stampa Gianmarco Pozzecco, ovviamente soddisfatto per la prova dei sardi.

I fischi sono meritati, dobbiamo chiedere scusa ai tifosi ed alla società” è un Andrea Cinciarini molto deluso per la prova fornita dai biancorossi “Anche oggi abbiamo preso 93 punti e la difesa continua ad essere un problema, come lo è stato per buona parte della stagione. All’inizio sopperivamo con l’attacco brillante, ora lo siamo un po’ meno e paghiamo con le sconfitte”. Il capitano dell’AX ci mette la faccia ed anche in campo ha provato a scuotere i compagni, ma senza riuscire nell’intento. E sul futuro: “Da martedì dobbiamo chiuderci in palestra, è l’unica soluzione che conosco”.

LEGGI ANCHE LA CRONACA E LE PAGELLE DI MILANO-SASSARI