Baraldi risponde a Messina: "Le sue parole non hanno toccato Zanetti"

La rassegna stampa di venerdì 26 marzo 2020.
26.06.2020 12:53 di Alessandro Nobile   Vedi letture
Baraldi risponde a Messina: "Le sue parole non hanno toccato Zanetti"

Luca Baraldi, amministratore delegato della Virtus Bologna, intercettato da La Gazzetta dello Sport ha parlato di tutto ciò che succede attorno alle V Nere, tra mercato e dissidi con l'Olimpia Milano: "Crediamo che la partita sia ancora aperta e perciò rimaniamo alla finestra in attesa di sviluppi. Parteciperemo all’Eurocup ma stiamo costruendo una squadra competitiva anche per l’EuroLeague. - Sul mercato dice - Usciranno Cournooh, Gaines, Marble e Delia. Ci manca un esterno di qualità. Un giocatore di alto livello ma senza creare troppe aspettative nei tifosi. Non prenderemo un fuoriclasse da 5 milioni di dollari ma nemmeno da 2. La nostra stella ce l’abbiamo già, parlo ovviamente di Milos. - Sul nuovo budget - Il nostro patron Zanetti ha deciso di ripianare personalmente il passivo della stagione chiusa in anticipo e di aumentare il budget del 20%. Passeremo da 15 a 18 milioni lordi. I nostri investimenti rientrano nell’ambito di un’azienda sportiva quale è la Virtus Segafredo, e non come società sportiva. In questo ci distinguiamo da Milano. - Sullo stop del campionatoOggi si poteva sicuramente giocare. Germania e Spagna sono andate avanti facendo grandi ascolti in TV. La chiusura, a livello sportivo e istituzionale è stato un autogol per il basket. - Ha chiuso parlando delle parole di Messina su Zanetti -  Messina è una grande figura professionale ma come coach è sempre un dipendente dell’Olimpia. Zanetti è il proprietario della Virtus. Non sono sullo stesso piano, quelle parole non hanno toccato il nostro patron. Sarebbe stato diverso se le avesse usate il signor Armani".

Continua, invece, il toto ripescaggio dalla Serie A2 alla massima serie in vista della prossima stagione, con tante squadre che per ora avrebbero declinato l'offerta da parte delle autorità competenti. Secondo le indiscrezioni riportate da La Prealpina, infatti, alcune squadre avrebbero rifiutato la proposta con un secco no: Napoli, Ravenna, Forlì, Napoli e Trapani. La prossima squadra che potrebbe essere interpellata pare esser Udine. Per quanto riguarda Verona, invece, ricordiamo era disposta al salto ma non ha trovato le risorse economiche.