De Nicolao racconta il futuro a Varese, parla il nuovo presidente di Cantù

La rassegna stampa di giovedì 23 luglio 2020.
23.07.2020 12:00 di Alessandro Nobile   Vedi letture
De Nicolao racconta il futuro a Varese, parla il nuovo presidente di Cantù

Giovanni De Nicolao, giocatore dell'Openjobmetis Varese, intercettato da La Prealpina, ha voluto parlare della sua scelta di approdare in Lombardia: "Sono felice di arrivare in una realtà che da sempre ho un po’ ammirato grazie a mio fratello Andrea. Bellissimo avere in famiglia una figura di riferimento come lui: mi ha accompagnato in tutte le scelte che ho compiuto, seguiva le mie partite negli Usa e cercava di consigliarmi sui miglioramenti, mi ha raccontato quanto si è trovato bene a Varese per l’organizzazione della società e per l’entusiasmo che si respira attorno alla squadra. È stato di grande aiuto per questa decisione. - Poi sul futuro dice - L’obiettivo principale è dimostrare quello che valgo e adeguarmi un passo alla volta al livello della serie A, cercando di sviluppare al meglio le mie capacità. Dopo 4 anni da titolare avrò un ruolo diverso, dovrò adattarmici ottimizzando gli spazi che coach Caja mi darà a disposizione, diminuendo gli errori e lavorando su quei dettagli che possono fare la differenza. Varese ha un progetto strutturato in più anni: diventare un beniamino di questo pubblico è un sogno di tutti i giocatori, se accadrà sarà difficile staccarmi...".

Roberto Allievi, nuovo patron della Pallacanestro Cantù, ha voluto parlare dell'incarico che gli è stato affidato: "Sono onorato di aver ricevuto questo consenso da parte di tutto il Consiglio si amministrazione, significa che c’è fiducia sulla mia persona e sul mio progetto, che avrò modo di consolidare e portare avanti, dopo diciotto mesi di ottimo lavoro. Sono pronto e siamo pronti per mettere le basi del futuro".

Ricky Fois, membro dello staff dei Phoenix Suns, con un'intervista rilasciata a La Nuova Sardegna ha voluto parlare della situazione della "bolla di Orlando" per la ripartenza dell'NBA: "Non posso dire che si stia male. Siamo alloggiati in uno dei resort più lussuosi a Disney World, la NBA non havoluto badare a spese per la nostra sicurezza, fisica e mentale. In generale, l'ambiente è quello ideale per terminare la stagione agonistica. Non possiamo uscire, ovviamente, dai confini dell'hotel e l'unica eccezione è legata ai giri in barca nel lago di fronte a dove viviamo".