Vivere l’esperienza NBA nel tempio del basket: una sera con i Knicks al Madison Square Garden

Quella che probabilmente è la prima esperienza NBA dal vivo per tanti, anche italiani: come vedere una partita in casa dei New York Knicks con Hellotickets.
21.02.2020 10:30 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Vivere l’esperienza NBA nel tempio del basket: una sera con i Knicks al Madison Square Garden

Un po’ di storia

Per me è stato il 26 dicembre 2004. Con una sfida non esaltante, un match tra New York Knicks e Charlotte Bobcats, nel ‘matinée’ americano (il primo pomeriggio) di una rara stagione in cui i Knicks non erano impegnati nel giorno di Natale ma solo nel ‘Boxing Day’. E comunque un sold-out, un’esperienza immersa che andava al di là dei 48 minuti di gioco, come il calendario per l’anno 2005 regalato a tutti gli spettatori o il classico ‘ditone’ in sconto, ricordo di un’esperienza unica.

Per me, come per tanti miei amici, la prima esperienza NBA dal vivo è stata al Madison Square Garden di Manhattan, New York. La casa, da decenni, dei New York Knicks, che non a caso sono la squadra dal valore più alto della intera NBA (secondo l’ultima classifica di Forbes), al di là dei risultati sul campo. Questo perché il fascino della “Mecca” è rimasto pressoché aumentato, se non aumentato, nel corso dei decenni, sin dai 52 anni di vita nella sua attuale conformazione.

E se l’ultima finale NBA disputata risale allo scorso millennio (1999), ciò non vuol dire che negli ultimi anni il Madison non sia stato teatro di momenti iconici della National Basketball Association: i 61 punti di Kobe Bryant nel 2009 (alcuni dei quali ‘in faccia’ al nostro Danilo Gallinari), la Linsanity del 2012, i 62 punti (record franchigia e dell’impianto) di Carmelo Anthony nel 2014, le prestazioni di giocatori come Stephen Curry (che proprio al Madison firmò il suo ancora career high) o LeBron James. Per tutti i giocatori che stagione dopo stagione entrano nella NBA, la prima partita al Garden è una tappa importante, spesso trasmessa in diretta nazionale: per questo motivo, nel vedere una qualsiasi partita NBA al Madison Square Garden spesso si casca bene, a prescindere dal risultato e dal momento dei suoi New York Knicks.

Come comprare i biglietti per NBA?

Un ottimo modo di programmare la propria esperienza al Madison, per godere di un pomeriggio o di una serata a tutto basket e spettacolo, è quello di affidarsi a Hellotickets, da tre anni il modo migliore di acquistare biglietti per eventi sportivi e non negli Stati Uniti e a Londra. Un portale pensato per i viaggiatori, per lavoro o per piacere, e per permettere loro di acquistare biglietti in modo semplice, rapido e ai prezzi più economici, con la comodità di potere pagare nella propria valuta e con il metodo di pagamento che più si preferisce. Oltre a questa breve overview sul funzionamento di Hellotickets, bisogna tenere in mente alcuni tips per potere godere al meglio dell’esperienza al Madison Square Garden.

I migliori settori

Ad esempio… quale settore preferire? Generalmente i più economici sono soliti essere quelli dietro i canestri, lungo i ‘lati corti’, dove si può trovare un biglietto a buon prezzo anche per partite di medio-alto livello (ad esempio contro le squadre della Western Conference, che giocano solo una volta a stagione al Madison). Andando nei livelli più alti il prezzo, come immaginabile, scende ed è più facile trovare un’offerta davvero conveniente: la visibilità all’interno dell’arena è ottimale, soprattutto dopo alcuni lavori di rinnovamento terminati otto anni fa, pertanto se l’obiettivo è quello di vivere l’esperienza con un occhio al portafoglio i settori più alti possono essere un buon compromesso. Al contrario, invece, quelli più bassi sono la soluzione migliore se si vuole optare per un’esperienza totalmente immersiva e vicina all’azione: in questo caso, però, occorrerà prepararsi a spendere di più.

Un’esperienza indimenticabile

Ma cosa è esattamente l’esperienza di una partita NBA? È qualcosa che va sicuramente al di fuori dei 48 minuti di gioco più eventuali supplementari, con una durata reale dell’evento che supera le due ore tenendo conto di timeout e intervallo. Show in campo e sugli spalti, omaggi, giochi coinvolgenti: lo spettacolo non si ferma al parquet ma va oltre, e per certi versi inizia prima della palla a due. Ha infatti preso sempre più vigore, nelle ultime stagioni, l’usanza di recarsi all’arena con larghissimo anticipo per osservare i riscaldamenti dei giocatori: in quel caso si può anche ingannare il tempo con un giro negli store ufficiali all’interno del Madison per acquistare souvenir, o nel concourse per mangiare e vivere un’esperienza a stelle e strisce anche nel cibo. C’è poi il momento più vicino e immediato all’inizio della partita, con la spettacolare presentazione delle squadre e l’esecuzione dell’inno nazionale, cantato dal vivo da un’artista ogni volta diverso. Tutti elementi che rendono l’esperienza di una partita NBA dal vivo unica, speciale e totale: e in un posto come il Madison Square Garden può essere più “unica, speciale e totale” degli altri.

Frank Ntilikina, francese: uno dei giocatori international dei Knicks, molto ambito dai tanti tifosi che accorrono al Madison Square Garden.
Frank Ntilikina, francese: uno dei giocatori international dei Knicks, molto ambito dai tanti tifosi che accorrono al Madison Square Garden.
Entrando sulla sezione del sito si vede, per ogni settore, il minor prezzo e i biglietti disponibili.
Entrando sulla sezione del sito si vede, per ogni settore, il minor prezzo e i biglietti disponibili.
Cliccando sul singolo settore si nota, inoltre, la vista dallo stesso oltre che il numero di biglietti disponibili.
Cliccando sul singolo settore si nota, inoltre, la vista dallo stesso oltre che il numero di biglietti disponibili.