Cinciarini: "Giusti i fischi, dobbiamo farci un esame di coscienza"

Il post partita della sconfitta contro l'Unics Kazan.
 di Simone Mazzola Twitter:   articolo letto 849 volte
Cinciarini: "Giusti i fischi, dobbiamo farci un esame di coscienza"

Le prime parole sono sempre di capitan Cinciarini: “Nessuno pensa di essersi tolto un peso con la fine dell’Eurolega, perché dobbiamo essere orgogliosi di aver potuto partecipare. Penso sempre di essere un privilegiato e cerco di giocare tutte le partite alla morte, ma quest’anno in alcune partite non l’abbiamo fatto. I tifosi hanno fischiato giustamente questa sera, perché non abbiamo giocato gli ultimi due quarti. Ora dobbiamo riazzerare facendoci un esame di coscienza”.

Anche coach Repesa analizza il match parlando di una condizione fisica difficile: “Questa sera sono mancate le gambe. Sino a quando ne abbiamo avute siamo stati sopra, limitatamente a come possiamo giocare in questo momento. Simon è stato inserito nella squadra con un solo allenamento negli ultimi due mesi, mentre forse abbiamo un po’ forzato facendo giocare Sanders”.
E’ mancata spinta anche da chi poteva darne: ”Quando succede che chi può giocare con maggiore energia e nell’ultimo periodo ha avuto spazio in campo come Abass esca per cinque falli con nove minuti giocati, non possiamo aspettarci che i Cinciarini o gli Hickman che hanno sempre giocato possano risolvere tutti i problemi”.

C’è il rammarico di un vantaggio risicato nel primo tempo: “Potevamo essere molto più avanti alla pausa se non avessimo commesso qualche persa di troppo, poi nel secondo non siamo rientrati in difesa, abbiamo palleggiato troppo in attacco e voluto risolvere le cose individualmente”.
Il coach si assume le colpe del risultato: “Non voglio accusare nessuno e se c’è qualcuno che lo deve essere è il coach. Questa è una partita da dimenticare per come è andata, ma da non dimenticare per comprendere come costruire un roster competitivo per la prossima Eurolega”.

Il periodo nero di dieci sconfitte ha segnato la stagione: “Abbiamo avuto una brutta Eurolega e le dieci partite perse consecutivamente sono state pesanti, anche perché il calendario ci ha messo davanti due volte il CSKA e due volte il Fenerbahce. Oltretutto in questo finale abbiamo giocato per un mese abbondante con soli sette giocatori”.

LEGGI ANCHE LA CRONACA E LE PAGELLE DI MILANO-KAZAN