Pianigiani: “Partita di alto livello. Playoff? Ancora poche chance”

Il commento del coach biancorosso, di Jerrells e Brooks, dopo il successo sul Maccabi
21.02.2019 23:26 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 1743 volte
Pianigiani: “Partita di alto livello. Playoff? Ancora poche chance”

Una grande partita, per la qualità del gioco e per energia, una sfida di altissimo livello di entrambe le squadre”, così Simone Pianigiani ha commentato il successo dell’Olimpia contro il Maccabi. “Oggi c’era un chiaro gap sotto i tabelloni - l’analisi della partita del tecnico milanese - Il primo tempo è stato eccellente, ma quei rimbalzi in attacco, anche dopo le stoppate, ci erano costate caro, compreso l’ultimo tiro da 10 metri. Nel secondo tempo nei momenti chiave i rimbalzi li abbiamo presi, trovando le motivazioni nel cambiamento. Adesso siamo questi e dobbiamo darci una mano tutti”. 

L’applauso anche al pubblico: “Ci ha aiutato tantissimo, perché abbiamo vinto con alcuni sforzi extra, come rimbalzi e qualche palla recuperata ed i tifosi ci hanno dato energia extra. Siamo contenti”. La squadra biancorossa è ora sesta in classifica: “Non la guardo. Io so che con la logica noi abbiamo pochissime chance, perché in queste sette partite che mancano giochiamo quasi tutte contro squadre davanti a noi - ha proseguito - Non guardo la classifica, ma i miei giocatori devono avere quel desiderio e questa motivazione. Sappiamo anche che, per noi, è molto importante costruirsi uno status in Europa di questo tipo e questo è molto più importante della classifica”. 

Sui rientri di Nedovic e Tarczewski: “Nemanja ci ha aiutato più delle mie aspettative. Su Tarczewski non sapevamo la sensibilità e se poteva essere condizionato, non facendo mai pallacanestro in allenamento, tranne questa settimana. Benissimo come impatto”. Pianigiani non vuole sentir parlare di riscatto post Firenze: “Oggi quello che sono queste stagioni è molto complesso. I giocatori ci tenevano, si sono arrabbiati, ma non sono macchine e non riesci a creare sempre questa tensione emotiva di stasera. Non si può giocare sempre come finali ogni volta. Non è ovviamente che non ci importa, perché siamo l’Olimpia, però la Coppa Italia non è mai un giudizio della stagione né in negativo né in positivo. La partita di oggi non è una reazione dopo Firenze”. 

Uno dei giocatori chiavi di serata è stato Curtis Jerrells: “La difesa è stata un nostro punto debole finora - le parole dell’americano - ma questa sera abbiamo fatto bene, soprattutto nel secondo tempo. Per le prossime partite, però, ci sono margini di miglioramento: possiamo fare meglio in difesa, evitando di concedere i canestri facili che abbiamo permesso stasera". Sorride anche Jeff Brooks, prima di unirsi alla Nazionale: “E’ stata la reazione che ci voleva. E’ stata una bella vittoria, ci voleva proprio”. Il pensiero va già anche alla prossima sfida contro il Khimki? "La chiave sarà l'eventuale rientro di Shved, ma vogliamo portare con noi un po' dell'energia pazzesca di stasera".

LEGGI ANCHE LA CRONACA E LE PAGELLE DI MILANO-MACCABI