Pianigiani: “Partita eccellente. I ragazzi? Disponibilità eccezionale”

Le voci dalla sala stampa dopo la vittoria dell'Olimpia in Gara 5 contro Avellino: parlano i due allenatori e Nemanja Nedovic.
26.05.2019 22:43 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Pianigiani: “Partita eccellente. I ragazzi? Disponibilità eccezionale”

Abbiamo fatto una partita eccellente da tutti i punti di vista: questa era una serie per noi molto dura per il valore dei nostri avversari, che avevano un roster che valeva ben più dell’ottavo posto” esordisce così in sala stampa Simone Pianigiani, dopo la vittoria in gara 5 contro Avellino che porta Milano in semifinale: “abbiamo dovuto cambiare assetto più volte in questa serie, e a inizio serie avevamo molta frustrazione per l’avere sbagliato alcuni tiri aperti. Avevo detto che dovevamo crescere nel corso della serie e l’abbiamo fatto, nonostante i momenti difficili”.

Credo che l’aspetto più importante sia la disponibilità che questi giocatori danno. Ieri mattina, quando siamo tornati da Avellino, Nedovic non si sentiva bene” continua l’allenatore dell’Olimpia “ha visto che Della Valle non avrebbe giocato, e abbiamo lavorato con lui per vedere i punti cardine su dove attaccare. E lui ha deciso di giocare sul dolore, e non è nemmeno al 50% della condizione. Lo stesso va detto per Mike [James, ndr] che venerdì è voluto stare con i suoi compagni. Ne sono successe di tutti i colori, come mai ne ho viste durante la mia carriera, ma questa squadra ha un bell’atteggiamento: ci aspetta una semifinale con una squadra al massimo della condizione, della fiducia e dell’equilibrio” il riferimento a Sassari “Noi non lo siamo, ma ci siamo, con l’atteggiamento che abbiamo avuto in tutta la stagione”.

Dopo la sconfitta in gara 3 nei ragazzi ho visto frustrazione, come se si vedessero la delusione di andare a casa presto dopo un anno di fatica e di critiche immotivate, non avevamo la gioia di giocare per vincere” continua Pianigiani: "contro Milano tutti vogliono fare bene, e i giocatori devono avere il privilegio di giocare per Milano, di dare il massimo per una squadra come questa. Quando dai il massimo ci sta di perdere, ma dobbiamo vivere l’opportunità: giochiamo in una squadra che ha fatto la storia della pallacanestro e possiamo lasciare il segno perché è da tantissimo tempo che qui non si vincono titoli consecutivi. I ragazzi devono avere voglia di sentire tutto questo sulla pelle, non sentire una umoralità con poco senso che ci circonda e giocare con la gioia di fare pallacanestro”.

Complimenti a Milano, a cui faccio l’in bocca al lupo per il prosieguo dei playoff. I miei ragazzi sono stati incredibili, hanno giocato su un piede, con due punture nel primo tempo e nel secondo. Sono orgoglioso di ciò che abbiamo fatto in questa serie” l’elogio alle due squadre di un commosso Maffezzoli. Tra i protagonisti del successo biancorosso c’è anche Nemanja Nedovic, autore di 13 punti con tre triple: “Era una situazione difficile per me, perché non mi allenavo da 25 giorni con la squadra ed ho dovuto ritrovare il ritmo in partita, visto che non c’era tempo per lavorare”. Oggi, però, ha trovato canestri importanti: “Ho cercato di riposarmi dopo gara 4 ed oggi quel ritmo l’ho un po’ trovato, ho aiutato la squadra e sono contento che siamo in semifinale”.

LEGGI ANCHE LA CRONACA E LE PAGELLE DI GARA 5 DEI QUARTI