Da Porter Jr. a Wagner: tutti i giocatori più attesi della stagione NCAA

Dopo aver parlato delle squadre, vediamo gli uomini in primo piano della nuova stagione di college basket
 di Massimiliano Zanotti  articolo letto 92 volte
Da Porter Jr. a Wagner: tutti i giocatori più attesi della stagione NCAA

Come capita ormai da diverso tempo e sempre sarà fino a quando NBA ed NCAA non torneranno ad avere un accordo per regolamentare l’elegibilità al draft, i giocatori più attesi della stagione collegiale sono soprattutto freshmen ma almeno quest’anno non sono concentrati nelle solite squadre. E, dopo aver analizzato le squadre, vediamo chi sono.

Il più atteso è Michael Porter Jr, un 6’10” che inizialmente aveva accettato la proposta di Washington dove il padre Michael Sr era assistente, salvo poi liberarsi dopo il licenziamento del coaching staff.  A quel punto l’allenatore di Missouri, Cuonzo Martin, ha pensato che per avere il figlio valesse la pena offrire un contratto al padre e così è stato. Porter Jr è un’ala piccola di 6’10” che offensivamente dispone di buoni movimenti verso canestro ed un solido tiro da 3 punti mentre sull’altro lato del campo riesce a difendere sotto canestro ma anche controllare giocatori più bassi di lui lungo il perimetro.
Altro freshman dalle enormi speranze è Marvin Bagley III, un’ala grande mancina che vedremo solo quest’anno in maglia Duke. MBIII è un giocatore tecnicamente completo in entrambe le metà campo che nel suo anno al college farà la differenza ma in prospettiva NBA deve aggiungere un po’ di massa muscolare senza però andare a discapito di atleticismo e tecnica. Ad Arizona e Texas sono arrivati 2 centri da 7’00” con doti fisiche impressionanti, rispettivamente DeAndre Ayton e Mohamed Bamba. Ayton, di origini bahamensi, è stato lungamente considerato il migliore giocatore della sua classe anche perché nonostante la sua stazza riesce ad avere 110 cm di elevazione ed un’inattesa agilità. Bamba con le sue braccia molto lunghe sarà uno spauracchio per i penetratori anche se gli manca ancora la massa muscolare necessaria per rendere difficile agli avversari la presa di posizione in post basso.

Con le attenzioni catalizzate da questi ed altri freshmen come Jaren Jackson Jr di Michigan State, Lonnie Walker di Miami, Wendell Carter di Duke, Kevin Knox di Kentucky e Collin Sexton di Alabama, non bisogna dimenticare che il ciclo collegiale sarebbe di 4 anni. Tra i giocatori “più esperti” ci piace segnalare in primis quel Rui Hachimura che lo scorso anno a Gonzaga sembrava avere più funzione folcloristica ma nel Mondiale U19 del Luglio scorso ha messo a segno una doppia-doppia da 20,6+11 di media!
Da tenere d’occhio nel loro secondo anno anche il talentuoso Flint-Stone Miles Bridges, una guardia che ha chiuso il primo anno a Michigan State con quasi 17 ppg e 8,3 rpg e la potente ala Robert Williams di Texas A&M che già lo scorso anno era nei radar dei pro. Senza dimenticare i junior come Landry Shamet che lo scorso anno con 20 punti portò Wichita State ad una tripla dall’upset di Kentucky nel 2nd round del Tournament oppure il tedesco Moritz Wagner di Michigan che deve proseguire lo sviluppo cestistico per sperare di poter rimanere a giocare negli USA anche dopo il college.