Repesa: “Bravi a finire la serie qua, ma sul +22 dovevamo chiuderla”

Il commento del coach biancorosso e di capitan Cinciarini, dopo la vittoria in gara 4
 di Fabio Cavagnera Twitter:   articolo letto 667 volte
Repesa: “Bravi a finire la serie qua, ma sul +22 dovevamo chiuderla”

Siamo riusciti a finire la serie qui e, in un’atmosfera calda in tutti i sensi, non era facile, ma ho detto ai ragazzi che sarà difficile vincere lo scudetto, se ogni gara va vinta due o tre volte”, così Jasmin Repesa commenta la vittoria in gara 4 a Capo d’Orlando e l’accesso in semifinale per la sua Olimpia. La puntualizzazione arriva per quella rimonta subita, quando la partita pareva già in ghiaccio a metà del terzo periodo: “Sul +22 dovevamo chiuderla, invece di farli tornare a -8”. Ci ha pensato poi Macvan a mandare i titoli di coda, con quegli otto punti nel finale, dopo aver già deciso gara 3.

Il coach croato ci tiene a fare i complimenti a Capo d’Orlando, squadra e città: “Vorrei ringraziare tutta la gente di qui per l’ospitalità. Abbiamo ricevuto grande sostegno nei nostri confronti. Hanno fatto una stagione straordinaria e, da allenatore esporto, posso dire che avevano talento, ma sono stati anche allenati molto bene”. Il pensiero per Milano è ora già alla semifinale contro Trento: “Abbiamo sette giorni per preparare una sfida contro una squadra che da tre mesi è la migliore e va considerata al livello delle favorite. Trento è una formazione molto dura, fisica ed atletica”.

La vittoria di questa sera è commentata anche da Andrea Cinciarini: “Abbiamo fatto una partita molto importante - le parole ai microfoni Rai - abbiamo tenuto Capo a 62 punti e, nel momento in cui loro hanno riaperto la gara, siamo stati lucidi ad eseguire le azioni in attacco. Sono due passi in avanti, rispetto a gara 1”. Il capitano biancorosso pensa anche lui al futuro ed alla serie contro l’Aquila: “Recupereremo Sanders, stiamo entrando in condizione e sono molto positivo. Anche se quello fatto in questo quarto di finale non basterà contro Trento, una formazione molto fisica”. 

LEGGI ANCHE LA CRONACA E LE PAGELLE DI GARA 4