Altro colpo di scena: Westbrook a Houston, Chris Paul ai Thunder

L’ex prodotto di UCLA lascia Oklahoma City dopo 11 stagioni e ritrova James Harden, Oklahoma City accoglie Chris Paul e quattro prime scelte.
12.07.2019 08:34 di Ennio Terrasi Borghesan Twitter:    Vedi letture
Altro colpo di scena: Westbrook a Houston, Chris Paul ai Thunder

È il mercato NBA dove tutto è possibile, dove ogni colpo di scena è lecito e dove ogni mattina ci si può svegliare con un colpo di scena. Quando le vie del mercato sembravano assopite, è arrivato l’ennesimo plot twist: Russell Westbrook cambia squadra, per la prima volta in 11 anni, e diventa un giocatore degli Houston Rockets. A fare il percorso inverso è Chris Paul, che sbarca a Oklahoma City insieme a quattro prime scelte future della franchigia texana (due “swap” nel 2021 e 2025, e le scelte 2024 e 2026 protette tra la 1 e la 4).

Uno scambio che innanzitutto vede ritrovarsi insieme Westbrook e James Harden, dando nuova linfa ai Rockets che rientrano ufficialmente nell’ampio novero delle possibili contender a Ovest, in una NBA che si conferma più incerta che mai per la stagione 2019-20. Avere Westbrook e Harden significa avere in squadra due degli ultimi tre vincitori del premio di MVP della stagione: per l’ultima volta che si è formata una coppia dal palmares individuale simile bisogna risalire al 2016, e alla scelta del terzo vecchio membro degli “Original Thunder”, Kevin Durant, di unirsi a Stephen Curry e ai Golden State Warriors.

OKC, dal canto suo, continua ad accumulare assets: sono adesso 15 (!) le scelte al primo giro del draft dei Thunder dal 2020 al 2026, un bottino che può essere utilizzato per accelerare il processo di rebuilding (inviando, ad esempio, Chris Paul verso una Miami che parrebbe essere ancora interessata al giocatore) o per rinforzare ulteriormente una squadra totalmente rinnovata nel core, visto anche l’arrivo di Danilo Gallinari nell’ambito della trade che ha spedito Paul George ai Los Angeles Clippers