Boston domina e spreca, Miami rimonta e vola sul 2-0

Tracollo Celtics nel terzo quarto, con i biancoverdi che sciupano diciassette punti di vantaggio e fanno rientrare in gara gli Heat, vincenti nel finale
18.09.2020 10:10 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Boston domina e spreca, Miami rimonta e vola sul 2-0

BOSTON CELTICS-MIAMI HEAT GARA-2 101-106 (Miami 2-0)

Non solo Denver: anche gli Heat si stanno specializzando nelle rimonte, e dopo aver rimontato un passivo di 14 punti in Gara 1, si prendono anche Gara 2 dopo essere stati in svantaggio di 17 punti. decima vittoria in undici partite di playoff per gli Heat: ne mancano soltanto altre due per le finali NBA.
La partita gira nella ripresa, con un terzo quarto da 37-17 firmato da Miami (15 dei quali del solo Adebayo, che ha chiuso con 21 totali) che riapre la gara e mette in crisi i Celtics (4/12 al tiro e 7 palle perse): i biancoverdi però non mollano subito, firmando un controbreak di 15-2 nel quarto quarto che regala il doppio possesso di vantaggio per Boston a 5 minuti dalla fine, confezionato dalla tripla di Kemba Walker (23 alla sirena finale per l'ex Charlotte). A quel punto, Miami chiude nuovamente la difesa, con un altro break da 17-7 che chiude la sfida, nonostante Boston con Jaylen Brown (21 punti, stesso bottino di Jayson Tatum) abbia nelle mani la tripla del pareggio a 15 secondi dalla fine. 

L'MVP, come spesso accaduto in questi playoff, è Goran Dragic, miglior marcatore dei suoi con 25 punti di cui 9 nel solo ultimo quarto, e leader di un quintetto tutto in doppia cifra con 18 punti di Duncan Robinson (6/12 da tre), 14 di Jimmy Butler, 12 di Jae Crowder e 11 dalla panchina di Tyler Herro. Proprio Butler è decisivo in difesa, in una gara che ha visto Andre Iguodala nel solo primo tempo: nonostante i litigi col canestro (4/11 al tiro), l'ex Sixers si fa notare nella sua metà campo con tre recuperi negli ultimi quattro minuti di gara, chiudendo poi i conti dalla lunetta con due tiri liberi per andare a +5 a 7.4 secondi dalla fine. 

Per i Boston Celtics i problemi non si sono fermati in campo. Come riportato dal Boston Globe, i biancoverdi hanno avuto una discussione decisamente animata negli spogliatoi, con Marcus Smart e un altro compagno di squadra che si sono urlati addosso per diversi minuti. "La squadra sta implodendo" ha scritto Gary Washburn del Globe. "Ci sono di sicuro oggetti lanciati e molte grida". I giocatori hanno poi minimizzato nel post gara ("non siamo certo felici, ma nulla di fuori dall'ordinario" ha detto Tatum), con Coach Brad Stevens, che ha dato il giorno libero ai suoi per domani, ha analizzato i problemi: "Non possiamo pensare di battere questa squadra se non siamo completamente connessi sui due lati del campo. A volte ci siamo riusciti e dobbiamo farlo più spesso. Ma ora come ora loro sono la squadra migliore. Dovremo combattere per tornare in questa serie"