Miami rovina la festa: i Lakers perdono gara 5 nel finale

Serie ancora viva nella bolla: la seconda tripla doppia di Butler e gli errori nel finale dei Lakers consegnano Gara 5 a Miami
10.10.2020 13:29 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Miami rovina la festa: i Lakers perdono gara 5 nel finale

Miami Heat - Los Angeles Lakers 111-108 (Lakers 3-2)

I Miami Heat non muoiono proprio mai: quando tutto lasciava presagire i coriandoli per i gialloviola, la squadra di coach Spoelstra è riuscita a strappare un successo che tiene ancora aperta la serie, ed in apprensione i Lakers, che nonostante un mostruoso Lebron James, rimangono ancora nella bolla, e devono infliggere il colpo di grazia a Jimmy Butler e soci. Sotto per due volte nell’ultimo minuto di gioco, proprio l'ex Philadelphia — in campo per 47 minuti e 11 secondi — ha trovato le forze per riportare i suoi avanti, prima con un canestro e poi con due tiri liberi attaccando il ferro, firmando il +1 a 16.8 secondi dalla fine. I Lakers hanno avuto il possesso per vincere la partita, ma la tripla aperta di Danny Green si è fermata sul ferro e sul rimbalzo offensivo Markieff Morris ha tentato un passaggio verso Anthony Davis completamente fuori misura, commettendo una pesantissima palla persa. 

Il numero 23 si porta i suoi sulle spalle, visti i problemi di Davis al tallone d'Achille, ma i suoi 40 punti, 13 rimbalzi, 7 assist e 3 recuperi — con un irreale 6/9 dalla lunga distanza — non bastano a L.A. per chiudere partita e serie. È solo il secondo “closeout game” perso degli ultimi 18 da lui disputati. Per Miami, Butler diventa insieme a Lebron l'unico ad avere multiple triple doppie da 30 punti nelle finals, chiudendo con 35 punti, 12 rimbalzi, 11 assist e un ottimo 11/19 al tiro, mentre viene coadiuvato da Duncan Robinson, che esplode per 26 punti (dopo aver iniziato la serie con 0 e 0/3 in gara-1) e dà agli Heat la seconda opzione offensiva che non riesce a essere Adebayo. 

La gara si decide anche tra le seconde linee: aldilà degli errori nel finale già citati, il quartetto composto da Green, Kuzma, Rondo e Morris ha le polveri molto bagnate: solo 8/31 dal campo combinato con un disastroso 3/16 dalla lunga distanza.