Miami chiude la serie, i Lakers si avvicinano, i Thunder vanno sul 2-2

I risultati della notte NBA del 24/8: i gialloviola onorano la memoria di Kobe volando sul 3-1 contro i Blazers, OKC pareggia contro Houston, Miami passa
25.08.2020 08:05 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Miami chiude la serie, i Lakers si avvicinano, i Thunder vanno sul 2-2

LOS ANGELES LAKERS-PORTLAND TRAIL BLAZERS 135-115 (Lakers conducono 3-1)
Nessun passo falso per i Lakers nel giorno in cui onorano la memoria di Kobe Bryant: il parziale di 24-8 in apertura, oltre ad essere un omaggio involontario al Mamba, segna anche il copione del resto della gara, con i losangeleni sempre ad accarezzare almeno il ventello di vantaggio, trovandosi anche sul +38. A gara già "conclusa" escono per infortunio Anthony Davis (schiena) e Damian Lillard (ginocchio), mentre Lebron James chiude 30 punti, 10 assist e 6 rimbalzi (seconda doppia doppia ai playoff consecutiva da 30+10, primo a riuscirci in maglia Lakers da 10 anni), dando un aiuto maiuscolo nel mettere in ghiaccio la serie. 

MIAMI HEAT-INDIANA PACERS 99-87 (Miami vince la serie 4-0)
Miami l'aveva già ipotecata, e con una Gara 4 di controllo si prende la serie, regalando ad Indiana la quinta eliminazione consecutiva al primo turno dei playoff. Pacers quasi doppiati a rimbalzi (60-36 Heat, con 17 palloni catturati in attacco da Adebayo e compagni), Miami domina sotto il ferro (50-30 il saldo): decisivi i canestri di un Goran Dragic ormai stabilmente in quintetto (23 punti), capace anche di sopperire alla serata no di Jimmy Butler, frenato da problemi alla spalla. Differenza radicale nel contributo della panchina: sono 38 i punti delle riserve degli Heat, contro la sola tripla di McDermott tra le fila di Indiana. 

OKLAHOMA CITY THUNDER-HOUSTON ROCKETS 117-114 (Serie in parità sul 2-2)
Seconda vittoria consecutiva per OKC, che riaperto definitivamente la serie. Altra partita vinta nel finale di gara, trovando in un quintetto con Danilo Gallinari da centro la strutturazione giusta per contrastare lo small ball dei Rockets. L'italiano però si ritrova ad avere un rendimento offensivo poco efficiente nel ruolo atipico: ci pensano quindi Dennis Schroder Chris Paul, che puniscono la difesa dei texani  con 30 punti dal primo (suo il canestro del +3 a 35 secondi dalla fine nato da un recupero di Gallinari) e 26 aggiunti dal secondo, mentre Shai Gilgeous-Alexander ha finito con 18, 12 rimbalzi e 6 assist. James Harden impressiona a inizio gara (19 punti nel primo quarto) ma si spegne con il prosieguo della partita, chiudendo con 32 punti, 8 rimbalzi e 15 assist ma solo 11/25 al tiro e appena 5 liberi tentati, mentre gli uomini di coach D'Antoni non trovano continuità nel tiro da 3, aprendo la ripresa con un 8/8 e chiudendo la gara con un 4/25. 

ORLANDO MAGIC-MILWAUKEE BUCKS 106-121