Suns, 8-0 non basta: Memphis e Portland, sarà Play-in! Spurs fuori

Ultime partite di stagione regolare/seeding games in quel di Orlando: la vittoria dei Grizzlies regala il nono posto, Portland vince nel finale
14.08.2020 10:43 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Suns, 8-0 non basta: Memphis e Portland, sarà Play-in! Spurs fuori

BROOKLYN NETS-PORTLAND TRAIL BLAZERS 133-134 
I Nets, pur non avendo nulla da chiedere o da raggiungere, mettono in scena una partita vera, facendo penare i Blazers fino all'ultimo possesso, con il tiro della vittoria di Caris LeVert (37 punti e 9 assist) che prende il ferro e fa tirare un sospiro di sollievo a Portland (e disperare Phoenix). Protagonista, manco a dirlo, Damian Lillard, che si carica i Blazers sulle spalle e chiude con 42 punti, segnando anche da centrocampo per eludere i raddoppi della difesa di Brooklyn; decisive anche le prestazioni di Jusuf Nurkic (22 punti e 10 assist) e CJ McCollum (25 pur con 9/21 al tiro e 0/6 da tre faticando con la schiena). 

MEMPHIS GRIZZLIES-MILWAUKEE BUCKS 119-106
Memphis approfitta dell'assenza per squalifica di Giannis Antetokounmpo per regolare i Bucks, scappano nel secondo tempo e rimanendo in corsa per i playoff per il torneo play-in, sebbene lo giocherà da nona classificata. Ja Morant (12 punti, 13 rimbalzi e 10 assist) e soci (26 punti, 19 rimbalzi e 12 assist per Jonas Valanciunas) dovranno vincere due gare consecutive contro i Trail Blazers per poter sfidare i Lakers. 

PHOENIX SUNS-DALLAS MAVERICKS 128-102
I Suns travolgono anche Dallas, restando l'unica squadra della bolla di Orlando con un record immacolato, 8-0. Purtroppo, ciò non è servito a rimontare Portland e Memphis, quindi per Devin Booker ed i suoi compagni restano due settimane ad alto livello: i tifosi di Phoenix sperano che ciò sia un punto d'inizio e non un fuoco di paglia. 

UTAH JAZZ-SAN ANTONIO SPURS 118-112, ORLANDO MAGIC-NEW ORLEANS PELICANS 133-127, LOS ANGELES LAKERS-SACRAMENTO KINGS 122-136, BOSTON CELTICS-WASHINGTON WIZARDS 90-96 
Le altre gare erano tutte senza obiettivi per le squadre coinvolte, che ne hanno approfittato per dare ampio spazio alle riserve.