La Virtus soffre poco: piegato il San Lorenzo, è finale intercontinentale

A Tenerife, semifinale agevole per i ragazzi di coach Djordjevic, privi di Teodosic: i felsinei bombardano gli argentini dalla distanza.
07.02.2020 20:51 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
La Virtus soffre poco: piegato il San Lorenzo, è finale intercontinentale

Virtus Segafredo Bologna - San Lorenzo de Almagro 75-57

Vittoria per la Virtus nella semifinale della coppa Intercontinentale: i capolisti della Serie A soffrono solo 5 minuti nel secondo quarto, dominando per il resto della gara gli Argentini. Top scorer Hunter con 16 punti nelle fila di Bologna, mentre Dar Tucker fa altrettanto tra i rossoblù. Dominio della Segafredo certificato in ogni voce statistica, nonostante l'assenza di Teodosic. 

Il Primo quarto vede un inizio imballato da parte della Segafredo, che va sotto e trova solo due punti nei primi quattro minuti. Solo allora arriva il 12-0 delle Vu-Nere, che chiudono il primo quarto in vantaggio di 13 lunghezze grazie all'eccellente 9/16 dal campo, con 4/6 da tre punti, mentre su altrettanti tentativi il San Lorenzo trova solo una bomba nei primi dieci minuti.
Il secondo quarto vede l'attacco felsineo incepparsi, con la Virtus che segna solo 4 punti nei primi 9 minuti, con gli argentini capaci di rientrare fino -1, prima della zampata di Markovic che fissa il +4 all'intervallo. L'Almagro rientra in partita con con il parziale di 16-4 che contraddistingue i primi 8 minuti della frazione, con le percentuali migliorate rispetto alla pessima prima frazione. 
Nella ripresa, la Virtus riprende la traccia del primo quarto: riapre le ostilità con un break di 10-1, e tocca anche il +16 sul finire del terzo quarto, grazie ad una difesa che soffoca i rossoblù, dominati a rimbalzo nel terzo quarto. 
Nel quarto quarto la Segafredo chiude i conti, riaprendo le ostilità con tre bombe consecutive dalla distanza ed un parziale di 15 a 2 che mette in cassaforte la finale della coppa intercontinentale: sul -23 il San Lorenzo costruisce un mini break che rende meno pesante il passivo, ma è troppo tardivo ed esiguo: in finale, contro la vincente di Vipers-Tenerife, ci va la Virtus.