Scariolo ed il Coronavirus nella sua Brescia: "un flagello, pena infinita"

Il coach della nazionale spagnola e vice dei Raptors parla della situazione nella sua terra natia, fortemente colpita dal virus
06.04.2020 19:42 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Scariolo ed il Coronavirus nella sua Brescia: "un flagello, pena infinita"

Per il Coronavirus ho già perso tanti amici, tra cui l'ex presidente del Real Madrid Lorenzo Sanz. Ora sono preoccupato per mia madre: vive a Brescia, è autosufficiente ma ha pur sempre 90 anni". Sergio Scariolo, ct della Spagna 'mundial' e assistente ai Raptors, da Toronto racconta all'ANSA l'angoscia per la sua città natale: "Nemmeno nel peggiore degli incubi lo avrei immaginato, Brescia la leonessa è sottomessa ad un flagello. Un'intera generazione di italiani sta scomparendo, è una pena infinita".