Le ali della discordia: bagarre social tra Perkins e Lou Williams

Il sesto uomo dell'anno è dovuto rientrare in quarantena per una deviazione alimentare, causando le critiche dell'ex Celtics e Thunder
28.07.2020 17:39 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Le ali della discordia: bagarre social tra Perkins e Lou Williams

Kendrick Perkins, da quando ha appeso le scarpe al chiodo, è uno degli opinionisti più "vulcanici" del panorama NBA, spesso al centro di diverse polemiche ed accusato di essere molto meschino dagli attuali giocatori, abbastanza restii a subire in silenzio le critiche del campione NBA nel 2008. L'ultimo caso riguarda quello di Lou Williams: uscito dalla bolla con l'autorizzazione dei Clippers, ha preso una deviazione non consentita per prendere delle ali di pollo in un locale di Atlanta dove è assiduo cliente. Una deviazione che è costata altri 10 giorni di quarantena al tre volte sesto uomo dell'anno, ed il seguente commento da parte di Perkins: “È preoccupante quando un rookie come Zion Williamson si comporta in maniera più matura rispetto a un veterano come Lou Williams

L'esterno dei Clippers, che sui social è probabilmente tanto tagliente quanto in campo, non le ha mandate a dire: “Sono in questa lega da 15 anni e il massimo che puoi dire su di me è che mi sono fermato a comprare delle ali di pollo durante una pandemia. Perk. Stai zitto. E quando mi incroci smettila di ridere e dirmi che ti comporti così solo perché sei in tv”. Dopo la prima battuta rovente, il numero 2 ha "aggiustato" il tiro, dichiarando il vero motivo della sua uscita dalla bolla: il funerale del padre di un caro amico. “Sto divagando. Sono tornato a casa per dare l’ultimo saluto a un uomo che è stato un gigante nella mia vita. Non voglio che questo dettaglio vada perso in questa vicenda. Perciò lo dico di nuovo: LUNGA VITA AL GRANDE PAUL WILLIAMS SENIOR. Ora torno alla mia quarantena, così che possa riunirmi presto con i miei compagni. Pace"