Le sorprese della bolla: Porter Jr, Derrick White, Gary Trent e...

Una analisi dei migliori giocatori più sorprendenti della bolla di Orlando, secondo Zach Lowe di ESPN
08.08.2020 17:02 di Paolo Terrasi Twitter:    Vedi letture
Le sorprese della bolla: Porter Jr, Derrick White, Gary Trent e...

Nell'ESPN center di Orlando, diversi giocatori si sono messi in mostra, alzando il proprio livello, in alcuni casi passando da oggetti misteriosi e veri e propri trascinatori. Eccoli.

MICHAEL PORTER JR., Denver Nuggets
Impossibile non partire da lui: l'ex Missouri sta finalmente giocando su quei livelli che, al college, l'avevano candidato a prima scelta assoluta, prima di essere stato frenato dai cronici problemi alla schiena. Il nuovo Durant, complici le assenza dei Nuggets, si è guadagnato un posto da titolare, ed ha risposto presente con oltre 27 punti di media nelle prime uscite, mostrando un arsenale offensivo di tutto rispetto. 

GARY TRENT JR., Portland Trail Blazers
Dopo una stagione da rookie con tante ombre, una lenta salita verso alti livelli, culminati con l'esplosione nella bolla. L'ala forma un terzetto assolutamente ben assortito con il duo McCollum-Lillard (differenziale di +19.3 su 100 possessi in 74 minuti), con il Sophomore che sta sta viaggiando a 20.3 punti di media con il 59% dal campo e il 63% dalla lunga distanza. 

DANUEL HOUSE, Houston Rockets
Non più giovanissimo, House si sta affermando, dopo una carriera spesa in G-League, come ben più di un semplice role player. House, dopo l'infortunio di Eric Gordon, ha risposto presente con 16 punti di media. 

DERRICK WHITE, San Antonio Spurs
Che White non fosse un giocatore banale, si sapeva già, ma dopo un periodo controverso di alti e bassi, ha ritrovato la sua forma migliore nella bolla, e sopratutto fiducia, vista la grande mole di tiri che si sta prendendo. 

KELDON JOHNSON, San Antonio Spurs
Dopo aver visto raramente il campo in regular season, Johnson è riuscito a trovare spazio nella rotazione di coach Popovich e sta dando un’ottima mano, firmando 13 punti e 5 rimbalzi in 25 minuti di media con il 60% da due e 6/9 dalla lunga distanza.

TROY BROWN JR., THOMAS BRYANT Washington Wizards
Poche note liete per i capitolini, già eliminati dai playoff ed ancora a secco di vittorie nella bolla di Orlando, dove si sono presentati ampiamente rimaneggiati. 16 punti, 6.5 rimbalzi e 5.3 assist per Brown, mentre il centrone sta dimostrando di aver ampliato il suo tiro con un buon 8/18 da tre punti.